Io, Mario Papadia

Il principio di ogni comunicazione è forse nel narrare se stessi, o di se stessi, come fa il bambino con espressività primaria. Vette della narrazione di sé sono fremiti poetici, come in Saffo, o il crudo racconto del conte Ugolino, o il raccontare pellegrinaggi come Terzani. Il paziente racconta il suo malessere al medico, o la mappa del suo smarrimento allo psicoterapeuta; l'amica all'amica i taciti segreti e il nonno il passato che non passi.

News in primo piano

  • Ehi Amigdala
    13 Nov 2018
  • Il potere dello psico-capitalismo virtuale
    12 Nov 2018
  • Vogliamo ancora demandare ai Tribunali la definizione di Counseling?
    08 Nov 2018
  • Istanti Quantistici
    05 Nov 2018
  • Tra il ridicolo ed il sublime non c’è che un soffio
    29 Ott 2018
  • Addio filosofia, greco e latino
    27 Ott 2018

Corsi

Libri