Io, Mario Papadia

Il principio di ogni comunicazione è forse nel narrare se stessi, o di se stessi, come fa il bambino con espressività primaria. Vette della narrazione di sé sono fremiti poetici, come in Saffo, o il crudo racconto del conte Ugolino, o il raccontare pellegrinaggi come Terzani. Il paziente racconta il suo malessere al medico, o la mappa del suo smarrimento allo psicoterapeuta; l'amica all'amica i taciti segreti e il nonno il passato che non passi.

News in primo piano

  • Perché ci aspettiamo tanto da noi stessi per l'anno nuovo?
    29 Gen 2017
  • La formulazione delle metafore
    26 Gen 2017
  • A passo di New York, New York
    24 Gen 2017
  • Una speranza per le malattie degenerative
    29 Nov 2016
  • Punizione e trasgressione
    28 Nov 2016
  • Una regione cerebrale per l'effetto placebo
    25 Nov 2016

Corsi

Libri