Dal volume: Mario Papadia, Il counseling come riprogrammazione, Armando Editore

Il counseling della mutazione evoluzionistica

Il counseling della riprogrammazione è una professione dell’aiuto fondata sulla strategia della comunicazione, dell’interazione e della mediazione evolutiva, che interviene in una situazione di crisi soggettiva, con l’obiettivo di aiutare il cliente a crearsi nello specifico una nuova programmazione esistenziale, e le cui risorse energetiche vengono fornite da tecniche olistiche.
Lo scopo del counselor della riprogrammazione è di aiutare una persona o un gruppo di persone a trasformare una condizione di disorientamento in mutazione evoluzionistica. Egli valorizza, quindi, il disagio come opportunità.
È il cliente, non il counselor, ad avere l’ultima parola se si è o non instaurato il rapporto. Ne consegue una relazione personale sorgente  di sicurezza: l’utente ha, nel presente e nel futuro, un punto di riferimento d’assoluta affidabilità.
Il counselor è una figura professionale in grado di favorire, con le proprie conoscenze e competenze, la soluzione ad un quesito postogli dal cliente (individuo e/o gruppo). Il cliente espone il suo problema, in genere relativo ad un disorientamento esistenziale e/o relazionale; il counselor risponde approfondendo le circostanze del problema stesso e la disposizione psicologica del cliente stesso, allo scopo di permettergli di giungere ad una nuova visione della situazione, ad uno stato d’animo fiducioso di fronte alla medesima, alla presa in carico di una decisione, ecc. Il counseling, quindi, è un processo per il quale si individuano pensieri, emozioni e comportamenti del cliente che, resi accessibili, possano garantirgli una maggiore consapevolezza delle proprie risorse personali e della possibilità di un cambiamento.


Distinzione tra counseling e psicoterapia

Quanto detto sinora conferma la distinzione tra counseling e psicoterapia. Il primo ha come obiettivo la situazione in cui si trova il soggetto, la seconda guarda al soggetto come paziente in se stesso. La psicoterapia mira alla cura della patologia che attanaglia il Sé dell’individuo, ne invalida le relazioni e l’espressione esistenziale. Si concentra quindi sulle sue dinamiche interne, portando alla luce i conflitti, interpretandoli, sostenendo la personalità nel lavoro di cicatrizzazione delle ferite affettive e cognitive. Nella psicoterapia possono esservi anche lunghi periodi di tempo, in cui il “fuori”non è rilevante, perché è troppo lacerante il “dentro”.
Al counseling sono attinenti il mantenimento della salute e l’affrontamento del disagio: il suo compito è di affiancare il cliente nelle proprie decisioni esistenziali, di fornirgli strumenti perché possa valutare e dirimere la situazione di disorientamento in cui si trova, e, laddove sia necessario, aiutarlo nel rafforzare il proprio potenziale.
Il counseling della riprogrammazione è un servizio fondato contemporaneamente sull’informazione, l’educazione e la comunicazione. Lo scopo dell’informazione è di fornire una conoscenza. Il suo focus è rivolto al contenuto trasmesso in modo intelligibile dal destinatario. Ciò dipende dal linguaggio usato e dal complesso di regole della sintassi di un discorso. Il contenuto da trasmettere è in modo particolare la consapevolezza del programma strategico attualmente operante nell’esistenza del cliente, da cui scaturisce il disagio. L’educazione è un processo relazionale. Un educatore con una sufficiente esperienza di vita e di conoscenze, “trae fuori” (appunto dal latino e-ducere) dal potenziale dell’allievo le disposizioni occorrenti perché egli apprenda, in forma cognitiva, emotiva e comportamentale, la nuova strategia di vita. Per dar luogo all’educazione non basta un maestro teoricamente preparato, giacché gli sono necessarie anche competenze nell’ordine dell’essere.


RICHIEDI INFORMAZIONI

News in primo piano

  • A proposito di Coaching: la consapevolezza di ciò che accade
    20 Ago 2018
  • Ascella pezzata o ascella pubblicizzata?
    28 Lug 2018
  • E se invece del mare andassimo in montagna?
    27 Lug 2018
  • Come il nostro cervello risente dell'estate
    25 Lug 2018
  • La percezione dei colori in estate
    23 Lug 2018
  • Migrazioni aliene. Nemico e immaginario fantascientifico.
    02 Lug 2018

Corsi