Menu
La mia Filosofia

Seduto sulle spalle dei giganti Tutti abbiamo la nostra filosofia, che può rispondere o no...

Leggi...
Il programma della vita e il caso

Qualsiasi organismo vivente è una struttura programmatica in quanto governata dal codice gene...

Leggi...
Lungimiranza

Spesso si accusa l’azione proiettata solo sul presente (in qualsiasi disciplina: politica, eco...

Leggi...
I bisogni biologici

La pulsione fondamentale ogni specie, compreso quella umana, e di ogni singolo individuo della speci...

Leggi...
Eros e Kratos, i signori della vita

A fondamento dell'evoluzione bioculturale due potenti forze si avviluppano, competono e si compe...

Leggi...
L'individuo e la sua programmazione

Il codice genetico è solo l’inizio della programmazione individuale, che continuer&agra...

Leggi...
La riprogrammazione come scelta

Talvolta si impone la necessità di ri-programmare lo schema esistenziale che ci troviamo in m...

Leggi...

Una filosofia personale?

Seduto sulle spalle dei giganti

Tutti abbiamo la nostra filosofia, che può rispondere o non all'accezione socratica, di “amore al vero, al buono, al bello”, e di "rifiuto al falso, al cattivo, al brutto", ma che comunque nella propria soggettività tale la si intende. Filosofare per sé stessi, come persone, è l'impegno con cui costruiamo significati alla nostra vita. Il problema sta solo nel se e quanto essa aiuta a navigare.

Newton, in una lettera polemica indirizzata allo scienziato Robert Hooke, scriveva: «Se ho visto più lontano è perché ero seduto sulle spalle di Giganti». Non mi affanno di affermare di vedere più lontano di altri, ma penso che ogni volta che vedo più lontano del mio sguardo del giorno innanzi, è perché mi sono seduto sulle spalle dei giganti. E di giganti davvero si tratta. La fila sarebbe lunga, ma non tanto quanto la storia della filosofia, anche perché non solo di filosofi si tratta.  Seneca, Lucrezio, Socrate, insieme con Darwin e Freud, Dante e Shakespeare, Leonardo e Caravaggio, Montaigne e Freud, Machiavelli e Popper, Türing e Heisengberg, Giovanni della Croce e il Vangelo di Giovanni, l'Apocalisse, il Tao Te Ching e L’arte della guerra.
 
Ma l'acutezza dello sguardo è una responsabilità che spetta a me.


RICHIEDI INFORMAZIONI

News in primo piano

  • A giugno ci rivediamo negli occhi. Finalmente, ma abbiamo anche imparato molto
    04 Mag 2021
  • Un po' di counseling linguistico: parlare una lingua inclusiva e non sessita
    22 Apr 2021
  • Cosa stiamo imparando negli webinar danteschi
    09 Apr 2021
  • Una suggestione dantesca:
    nuovi orizzonti alla pratica dell'evoluzione personale
    15 Mar 2021
  • Fare cultura è creare e crearsi disagio
    11 Feb 2021
  • Pandemia e opportunità di cambiamento da non perdere.
    01 Gen 2021

Corsi