La preferenza del sonoro nella messaggistica

21 Ago 2023

Nella messaggistica confidenziale sta imponendosi l’usanza del messaggio vocale. Questo rende più difficile mantenere a portata d’occhio, e quindi più concreto l’interscambio, e obbliga, alla bisogna, ad una verifica faticosa, dispendiosa nel tempo speso a ricercare il messaggio giusto di quella volta là. Inevitabile lo stimolo alla pigrizia.
A me dà un senso di vuoto vedere il segno che indica quel tracciato sonoro, come l’impronta del dinosauro.
È per questo che la nostra specie ha inventato la scrittura. E anche le immagini dipinte nella grotta di Lascaux, così tanto cromatiche e parlanti. Il linguaggio si trasmette attraverso i secoli solo in quanto procedura linguistica. Ma senza scrittura non avremmo con noi i poemi, le dimostrazioni di Pitagora, l’Amleto, la Traviata e le Quattro Stagioni di Vivaldi. E neppure questa mia considerazione.

News in primo piano

  • L’arte di virtualizzare il problema
    11 Mar 2024
  • Faremo sedute con la “Intelligenza Artificiale Empatica” (I. A. E.)? Una proposta e un manifesto.
    05 Gen 2024
  • ​Femminicidio: precisazioni antropologiche su alcuni fondamenti
    14 Dic 2023
  • Il dispositivo con i colori è in libreria: grazie alla raccolta fondi
    30 Ott 2023
  • Counseling: dove siamo e che fare
    16 Ott 2023
  • La nostra raccolta fondi
    11 Set 2023